Wikia

Il Trono di Spade Wiki

Rickon Stark

2 229pagine in
questa wiki
Discussione0

Rickon Stark è il figlio minore di Eddard e Catelyn, e ha solo tre anni all’inizio delle Cronache. È un bambino aggressivo e determinato, e per colpa della sua età gli è difficile adattarsi a tutti i cambiamenti che lui e la sua famiglia si ritrovano ad affrontare a causa della guerra. Al suo fianco c’è quasi sempre il suo MetalupoCagnaccio. Rickon è molto giovane e ha gli occhi e i tratti di sua madre. In seguito alla partenza di lei a sud, Rickon rifiuta di farsi tagliare i capelli, e di conseguenza ha dei capelli lunghi e ribelli.


Rickon è il più piccolo rampollo degli Stark e il suo nome è un omaggio al padre di Eddard, lord Rickard, ucciso dai Targaryen. Nei suoi 4 anni, è un bambino vivace e curioso, che cerca sempre l'attenzione di tutti. È l'unico davvero inconsapevole degli intrighi di palazzo e dei giochi di potere, travolto passivamente dagli eventi tragici che lo coinvolgeranno. Il suo meta-lupo, dal nome alquanto insolito, Cagnaccio, è completamente nero, con feroci occhi gialli e ha lo stesso temperamento irruente del padroncino, sfociando sempre più spesso nell'aggressività

Biografia

Nato a Grande Inverno nel 295 AA, Rickon è il quinto figlio di Catelyn e Eddard, capo della Casa Stark. Suo fratello maggiore Robb Stark è il Re del Nord. Rickon è l’attuale erede di Grande Inverno. Ha anche due sorelle maggiori Sansa e Arya, un fratello maggiore, Bran Stark e un mezzo fratello, Jon Snow.


Prima Stagione

Rickon decide di tenere per sé uno dei sei metalupi. Dopo la partenza di suo padre da Grande Inverno e sua madre al capezzale di Bran, Rickon segue Robb in lacrime per tutto il castello. La notizia della partenza di Robb lo sconvolge talmente tanto che si nasconde delle cripte insieme a Cagnaccio, e attacca due uomini usando una spada di ferro di una delle tombe. Quando Robb parte, si rifiuta di salutarlo. Poco prima dell’esecuzione di Eddard ad Approdo del Re, sia Bran che Rickon condividono la stessa visione dello spirito di loro padre nelle cripte.

Seconda Stagione

Mentre la notizia della morte di Eddard mette in subbuglio la sua famiglia, Rickon rimane senza la supervisione di una figura adulta, poiché sia Robb che Catelyn sono a sud per la guerra, e le sue sorelle sono tenute prigioniere ad Approdo del Re. Solo a Grande Inverno con il fratello paralizzato, Bran, Rickon diventa sempre più turbolento e ribelle. La rabbia e la paura che sente si riflettono sul suo metalupo, Cagnaccio, che attacca diverse persone prima che venga rinchiuso. Diverse volte il lupo di Bran, Estate si ritrova a combattere contro Cagnaccio per sottometterlo. Rickon diventa amico di Grande Walder e Piccolo Walder, quando questi vanno a vivere a Grande Inverno come protetti.

Rickon diventa ostaggio di Theon Greyjoy quando quest’ultimo prende il comando di Grande Inverno, ma riesce a fuggire e nascondersi nelle cripte sotto il castello con suo fratello BranHodor, i fratelli Reed, e la bruta Osha.

Dopo che Grande Inverno viene saccheggiata e bruciata da Ramsay Snow, il gruppo risale dalle cripte per poi trovare il castello in rovina. Trovano anche Maestro Luwin ferito mortalmente. Il Maestro dice loro che Bran e Rickon devono separarsi e darsi alla macchia. Osha accetta di prendersi cura di Rickon e Cagnaccio, ma non dice dove si sarebbero diretti.

Terza Stagione

Bran sogna di essere in un bosco con i suoi fratelli e il corvo a tre occhi. Il giovane Stark vuole uccidere l'animale, ma un ragazzo gli dice che non può, poiché il corvo è lui. Svegliatosi cerca di raccontare il tutto ad Osha, ma la donna non è interessata. Successivamente Bran, mentre Hodor, Rickon e Osha non ci sono, incontra il ragazzo del sogno: Jojen Reed, figlio di un alfiere di suo padre. Jojen e sua sorella Meera aiuteranno i due fratelli. Durante la marcia Bran scopre da Jojen di essere un metamorfo come lui, cioè di poter controllare la mente di altri esseri. La tensione tra Osha e Meera Reed sale e Bran comanda loro di fare pace. Jojen ha una crisi durante il sonno e Meera spiega che queste sono causate dalle sue visioni. Risvegliatosi, Jojen dice a Bran di aver visto Jon Snow con i Bruti.

Sulla strada per la Barriera, Bran parla spesso con Jojen Reed e questo allarma molto Osha. La donna dei Bruti, timorosa delle visioni di Jojen, dice a Bran che il ragazzo lo sta riempiendo di strane idee. Quando Osha accenna alla loro destinazione, il Castello Nero, Jojen rivela che il corvo con tre occhi è più a nord della Barriera ed è lì che sono diretti. Osha proibisce loro di dirigersi più a nord della Barriera e racconta la storia del suo fidanzato, che si era trasformato in un non morto prima di essere stato bruciato da lei stessa.

Mentre Bran e Jojen Reed discutono su come attraversare la Barriera, Meera vede il vecchio allevatore di cavalli in mezzo ai Bruti. Spaventato dai tuoni della tempesta, Hodor inizia ad urlare e Bran usa le sue abilità di metamorfo per entrare nella mente dell'uomo e fargli perdere i sensi. Intanto nel cortile Tormund sta per uccidere l'allevatore, ma Orell gli consiglia di farlo uccidere a Jon, affinché provi la sua fedeltà ai Bruti. Mentre Jon è indeciso, Ygritte colpisce il vecchio con una freccia e così Tormund ordina ai suoi uomini di uccidere Jon. Ygritte viene bloccata da Tormund mentre il gruppo di Bruti attacca Jon. Bran, allora, entra nelle menti di Estate e Cagnaccio, i metalupi, che vanno in aiuto di Jon. Quest'ultimo riesce ad uccidere Orell e a scappare. Tormund fa notare ad Ygritte che Jon l'ha abbandonata. Durante la notte, Bran chiede ad Osha di prendere Rickon e di portarlo ad Ultimo Focolare, dove risiede la famiglia Umber. Dopo gli addii, i due partono subito.

Sesta Stagione

A Grande Inverno, Ramsay accetta la sottomissione del nuovo Lord Umber, che gli porta un dono: sono Osha e Rickon Stark. Ciò che conferma l'identità di Rickon è Cagnaccio, il suo meta-lupo, simbolo di casa Stark.

A Grande Inverno, Jon Snow e Ramsay Bolton si incontrano prima della battaglia: Jon propone un duello in singolar tenzone, per evitare l'imminente massacro, ma Ramsay rifiuta. Quella stessa notte, Jon e Sansa hanno una breve discussione sulle tattiche della battaglia, cui segue l'abbandono dell'accampamento da parte di Sansa; Davos, guardando tra le braci di una pira spenta, trova il cervo di legno che regalò a Shireen Baratheon e intuisce che la bambina vi fu bruciata viva, meditando vendetta verso Melisandre. La mattina seguente inizia la battaglia, inaugurata dalla sadica uccisione di Rickon, fatto correre in mezzo al campo di battaglia e in seguito colpito da Ramsay con una freccia, vicino ad un impotente Jon. La cavalleria di Jon, furioso, carica incoscientemente per primo.