FANDOM


Jon Snow, nato Aegon Targaryen, è il figlio di Lyanna Stark e Rhaegar Targaryen, principe di Roccia del Drago e legittimo erede del Trono di Spade. Nacque nel duecentottantatreesimo anno dopo la conquista del continente occidentale da parte di Aegon Targaryen. Sin dall'infanzia, Jon viene presentato come figlio bastardo di Lord Eddard Stark, fratello di Lyanna, e allevato da Eddard insieme ai suoi figli legittimi a Grande Inverno, ma la verità sui suoi veri genitori viene nascosta a tutti, anche a Jon stesso. Il suo nome gli è stato dato in onore del protettore di Ned, Jon Arryn, mentre il cognome "Snow" al Nord è tradizionalmente dato ai figli bastardi di alto lignaggio. Pur non essendo uno Stark legittimo, Jon venne accettato dal padre e cresciuto assieme al resto della famiglia. Ebbe la stessa educazione del fratellastro coetaneo, Robb, con il quale è in ottimi rapporti, assieme ad Arya, Bran e Rickon. Sansa, invece, gli è sempre stata indifferente, mentre lady Catelyn non lo ha mai accettato, arrivando spesso ad odiarlo.

In seguito alla nomina di Eddard a Primo Cavaliere del re, Jon entra nei Guardiani della notte, in un primo momento era entusiasta dell'idea, in seguito si ricrederà su tanto entusiasmo. La vita alla Barriera è difficile per lui, perchè non riesce a legare con i confratelli e entra subito in conflitto col maestro darmi del Castello Nero ser Alliser Thorn che conia per lui il nomignolo infamante di "Lord Snow".  Al momento dell'assegnazione dei ruoli con grande rabbia da parte sua viene reclutato tra gli'attendenti, in particolare si occuperà del lord comandante Mormont. Per via dalla sconfitta di Ramsay Bolton e della sua casata, le case nobili del Nord dichiarano la loro indipendenza, e acclamano Jon come il nuovo re del Nord. Successivamente viene svelato che Jon è il figlio di Lyanna Stark, la defunta sorella di Eddard, mentre l'identità del vero padre, è quella del principe Rhaegar Targaryen. Questo lo rende l'unico superstite ancora in vita del principe Rhaegar, e potrebbe reclamare il Trono di Spade, essendo l’unico maschio Targaryen nella linea di successione.

Biografia

Prima Stagione

Jon snow 1x01
Jon Snow, figlio bastardo di Eddard Stark, e Robb istruiscono Bran nel tiro con l'arco, quando il padre Eddard riceve un messaggio riguardo un disertore catturato dai Guardiani della Notte, per il quale la pena è la morte. Eddard Stark è costretto a decapitarlo in nome del giuramento dei Guardiani della Notte, che vincola a vita i confratelli al loro incarico, pur rimanendo turbato dai racconti deliranti dell'uomo e Jon, Robb, Bran e Theon Greyjoy sono chiamati a supportarlo. Sulla via del ritorno a Grande Inverno, trovano una meta-lupo morta e suoi cuccioli appena
Jon snow 1x02
nati. Sottolineando che un meta-lupo è il sigillo di Casa Stark, dato che ci sono cinque metalupi e cinque bambini Stark purosangue, deve essere un segno degli Antichi Dei che i bambini Stark sono destinati ad adottare i cuccioli. Poichè Jon è un bastardo a lui non viene concesso nessun cucciolo, ma proprio quando sono in procinto di partire, il ragazzo trova un altro piccolo della cucciolata, un albino. Su suggerimento di Theon, Jon prende questo metalupo come proprio, nominandolo Spettro.
Jon snow e benjen 1x04

Per via della sua condizione di bastardo, ed essendo detestato a corte, in particolare da Catelyn la moglie di Eddard, Jon decide di unirsi ai Guardiani della Notte, seguendo le orme dello zio Benjen. Prima di partire, Jon consegna alla sorellastra Arya, alla quale è molto affezionato, una spada di nome Ago che aveva fabbricato apposta per lei. Alla Barriera Jon viene accompagnato dallo zio Benjen e Tyrion Lannister, che ha espresso il desiderio di vedere la barriera (e urinare dalla parte superiore di essa) prima di morire. Al Castello Nero, le aspettative di Jon sui Guardiani della Notte sono presto deluse poichè invece di una fratellanza di guerrieri nobili egli si ritrova davanti una banda di criminali. Si guadagna l'inimicizia di Ser Alliser Thorne, il maestro della lotta armata, responsabile della formazione delle nuove reclute. Jon infatti umilia i suoi compagni con le sue abilità di combattimento, apprese dal maestro d'armi di Grande Inverno nel corso di molti anni. Ben presto però, Jon diventerà il migliore amico di Samwell Tarly.

Jon snow 1x09

Dopo aver completato la sua formazione, Jon entra ufficialmente a fare parte dei Guardiani della Notte stringendo il suo giuramento. Dopo la morte del padre Eddard ad Approdo del re, Jon medita di abbandonare la Barriera per unirsi all'esercito del fratellastro Robb e vendicare la sua morte ma Maestro Aemon, lo convince a continuare il suo servizio presso i Guardiani della Notte, perchè la loro guerra contro gli Estranei oltre la Barriera, è più importante del gioco dei troni di Approdo del Re. Adesso l'obiettivo dei Guardiani infatti è quello di oltrepassare la Barriera per trovare Benjen, scomparso dopo la sua spedizione, e conoscere la verità circa la nuova minaccia.

Seconda Stagione

Jon snow 2x01

Il Lord Comandante Jeor Mormont, guida un gruppo di Guardiani, tra i quali figura Jon, oltre la Barriera verso l'insediamento di Craster. Quest'ultimo fornisce informazioni sui bruti e sul loro leader, il Re oltre la Barriera, Mance Rayder. Oltre la Barriera, Samwell Tarly cerca di aiutare Gilly, una delle figlie e mogli di Craster che è rimasta incinta. Lei e Sam vanno a chiedere aiuto a Jon Snow e gli chiedono di portarla via con loro. Più tardi, Craster porta un neonato nei boschi. Jon lo segue e lo vede tornare a mani vuote. Quando arriva vicino al bambino, lo sente piangere e lo vede vicino ad un'ombra dagli occhi blu. Prima che Jon possa proseguire, Craster lo colpisce alla testa e il ragazzo perde conoscenza.

Jon snow uccide qhorin 2x04
Oltre la Barriera, Craster caccia Jon Snow e gli altri Guardiani della Notte dalle sue terre. Il Lord Comandante Jeor Mormont rivela a Jon che già sapeva che Craster offriva i suoi figli agli Estranei, ma che il bruto è parte essenziale nella campagna dei Guardiani della Notte al di là della Barriera e che fornisce aiuto agli altri del loro ordine, compreso Benjen Stark. I Guardiani della Notte continuano ad andare più a Nord per incontrare Qhorin il Monco, un esperto ranger dei Guardiani della Notte. Qhorin avverte che i bruti sono diventati più organizzati e pericolosi sotto la guida dell'ex ranger Mance Rayder e che quest'ultimo sta adunando tutta la sua gente. Qhorin vuole infiltrarsi nel campo dei Bruti ed eliminare il Re oltre la Barriera. L'attendente Jon Snow insiste sulla necessità di unirsi al gruppo e alla fine la sua richiesta viene accolta. Qhorin il Monco continua la spedizione per trovare i bruti e, assieme a Jon Snow e altri Guardiani della Notte, riesce ad ucciderne due accampati nelle vicinanze. L'unica a rimanere in vita è una ragazza di nome Ygritte. Dopo che Ygritte abbia vantato la forza del suo esercito, Qhorin ordina a Jon di uccidere la ragazza e di
Jon snow and ygritte 2x05
raggiungere poi il resto del gruppo. Jon viene preso da una forte esitazione e la ragazza riesce a fuggire. Dopo l'inseguimento Jon riesce a fermare Ygritte, ma ora i due si trovano troppo lontano dal gruppo. La notte si avvicina rapidamente e, non potendo accendere fuochi né trovare un riparo, Jon è costretto a dormire con Ygritte all'aria aperta. Ygritte convince Jon a dormire vicino a lei così da scaldarsi a vicenda, ma la ragazza inizia a muoversi cercando di far eccitare Snow. Quest'ultimo le intima di stare ferma e di continuare a dormire.
Jon snow and ygritte 2x03

Appena svegli, la ragazza scopre che Jon ha fatto voto di castità e comincia a stuzzicarlo, chiedendogli se vale la pena rimanere astinenti per unirsi ai Guardiani della Notte. Jon, tra il confuso e l'imbarazzato, non sa cosa rispondere e Ygritte continua a tormentarlo, facendogli notare come lei e il suo popolo sono gente libera, che non deve eseguire gli ordini di nessun re diventato tale per diritto di nascita. Tra i bruti infatti il re è scelto dal popolo. Dopo aver cercato, invano, di convincerlo a unirsi a loro, la ragazza tenta di sedurre Jon per l'ultima volta, cogliendolo impreparato. Approfittando del momento di debolezza del giovane, Ygritte fugge e Jon si getta al suo inseguimento, cadendo però in un'imboscata dei bruti, venendo in seguito catturato. Jon Snow viene presentato al Lord delle Ossa da Ygritte e dai suoi compagni. All'inizio il Lord delle Ossa non comprende l'utilità del ragazzo e ordina la sua uccisione. Ygritte però lo salva, dicendo che Jon è il figlio bastardo di Ned Stark e che Mance Rayder vorrà incontrarlo. Anche Qhorin il Monco è stato catturato dai bruti. All'accampamento degli altri Guardiani della Notte, Sam e Grenn scoprono un mantello nascosto sotto la neve nel quale si trovano dei pugnali di ossidiana.

Qhorin il Monco, spiega a Jon che tutti i suoi compagni sono morti e lo convince a diventare una spia tra le fila dei Bruti e per dimostrare la sua sottomissione verso di loro, si fa uccidere dal ragazzo. Seguendo gli ordini del Monco, Jon lo uccide. I Bruti bruciano il cadavere di Qhorin e proseguono con Jon verso il covo di Mance Rayder, il Re oltre la Barriera.

Terza Stagione

Jon snow 3x01

Jon Snow, accompagnato da Ygritte e dal Lord delle Ossa, incontra il Re oltre la Barriera, Mance Rayder, il quale è intenzionato a lasciarlo in vita e mettere alla prova la sua lealtà. Jon gli spiega che quando i Guardiani della Notte si accamparono alla Fortezza di Craster, vide Craster lasciare suo figlio appena nato nei boschi come offerta agli Estranei. Deluso e disgustato Jon gli dice di volere abbandonare i Guardiani della Notte per unirsi al suo esercito, perché è disgustato che Mormont già a conoscenza di quello che Craster faceva, non ha fatto nulla per fermarlo. Mance è soddisfatto della sua risposta, e gli consegna un nuovo mantello. Successivamente Jon Snow e Mance Rayder consultano Orell, un metamorfo, e scoprono che molti Guardiani della Notte sono stati massacrati al Pugno dei Primi Uomini.

Jon snow and ygritte 3x03
Al Pugno dei Primi Uomini, Mance Rayder, Jon e gli altri Bruti trovano i Guardiani della Notte massacrati dagli Estranei. Il Re oltre la Barriera ordina a Tormund Veleno dei Giganti di scalare la Barriera e di uccidere tutti i guardiani rimasti al Castello Nero e Jon è costretto a seguirlo. Tormund Veleno dei Giganti, con l'aiuto di Orell, interroga Jon Snow per conoscere le difese della Barriera. Poco dopo, Jon e Ygritte, in cammino verso il Castello Nero, fanno l'amore in una caverna. Il ragazzo ha ufficialmente rotto il suo voto di castità presso i Guardiani della Notte, diventando un Bruto a pieno titolo. Ai piedi della Barriera, i Bruti guidati da Tormund Veleno dei Giganti si preparano a scalare l'enorme muro. Jon Snow e Ygritte parlano della loro imminente salita e del loro rapporto. Ygritte gli dice di essere a
Jon snow and ygritte 3x07
conoscenza del fatto che Jon sia ancora fedele ai Guardiani della Notte, ma gli fa promettere che saranno fedeli l'uno all'altro. Durante la salita, Ygritte provoca involontariamente una valanga che fa cadere tutti i Bruti eccetto lei, Jon, Orell e Tormund. Lei e Jon, rimasti appesi nel vuoto alla corda legata ad Orell, cercano di raggiungere la parete della Barriera. Prima che Orell tagli la corda, Jon riesce ad aggrapparsi, a salvare Ygritte e poi raggiungere la cima assieme a lei.
Jon snow and ygritte 3x05

Jon Snow e il gruppo di Bruti guidati da Tormund Veleno dei Giganti continuano il loro viaggio verso sud intenzionati a organizzare l'attacco di Castello Nero. Ygritte e Jon discutono dell'assalto e poco dopo Snow ha uno scontro verbale con Orell. Quest'ultimo confessa a Ygritte il suo amore e cerca di convincerla che Jon non è adatto a lei, poiché è ancora fedele ai Guardiani della Notte. Più tardi, Jon dice a Ygritte che la causa dei Bruti è senza speranza, ma lei rimane imperterrita. Giunti al Sud della Barriera Tormund sta per uccidere un allevatore, ma Orell gli consiglia di farlo uccidere a Jon, affinché provi la sua fedeltà ai Bruti. Mentre Jon è indeciso, Ygritte colpisce il vecchio con una freccia e così Tormund ordina ai suoi uomini di uccidere Jon. Ygritte viene bloccata da Tormund mentre il gruppo di Bruti attacca Jon. Bran, allora, entra nelle menti di Estate e Cagnaccio, i metalupi, che vanno in aiuto di Jon. Quest'ultimo riesce ad uccidere Orell e a scappare. Tormund fa notare ad Ygritte che Jon l'ha abbandonata.

Mentre si lava le ferite a una pozza, Jon Snow viene sorpreso da Ygritte che è pronta a colpirlo con delle frecce per averla abbandonata. Jon cerca di convincerla a lasciarlo andare, ma lei lo colpisce alla spalla. Jon sale sul suo cavallo e scappa, ma viene colpito altre due volte dalle frecce di Ygritte. Jon riesce a raggiungere il Castello Nero e i suoi confratelli lo portano dentro dove Sam e Pyp lo riconoscono e ordinano di portarlo da Maestro Aemon per essere curato.

Quarta Stagione

Jon snow 4x01
Al Castello Nero dopo essere stato curato, Jon Snow viene interrogato da Ser Alliser Thorne, attuale Lord Comandante ad interim, Ser Janos Slynt e Maestro Aemon. Jon ammette di aver ucciso Qhorin il Monco e di aver violato la regola sulla castità, ma rivela anche tutto ciò che ha appreso riguardo ai piani dei Bruti. Nonostante Ser Alliser voglia farlo giustiziare, il ragazzo viene lasciato andare da Maestro Aemon. Nonostante venga a conoscenza della morte del fratellastro Robb Stark e della matrigna Catelyn durante le Nozze Rosse, Jon decide di rimanere al Castello Nero ad aiutare i propri confratelli, visto l'imminente assedio da parte dei Bruti. Samwell Tarly, preoccupato che Gilly possa finire stuprata dai suoi confratelli, porta la ragazza e il piccolo Sam in un bordello di Città della Talpa, dove crede sarà più al sicuro. Nel frattempo i bruti attaccano un villaggio e inviano un bambino al Castello Nero ad
Jon snow 4x02
informare i Guardiani della Notte quanto sta succedendo a sud della Barriera. I Guardiani, preoccupati dell'incombente attacco da parte di Mance Rayder e visto il loro esiguo numero, decidono di non uscire allo scoperto. Ma quando i ranger Edd e Grenn ritornati alla fortezza dichiarando di essere rimasti prigionieri dei ribelli al Rifugio di Craster, Jon Snow consiglia di inviare un gruppo di uomini con il compito di uccidere gli ex Guardiani della Notte, i quali potrebbero informare Mance sulla reale consistenza delle forze al Castello Nero.
Jon and sam 4x05

Jon Snow ottiene da Ser Alliser il permesso di andare al Rifugio di Craster con alcuni volontari per uccidere i ribelli rimasti, fra i suoi uomini vi è anche Locke. Oltre la Barriera, i ribelli al Rifugio di Craster continuano a cibarsi delle scorte rimaste e ad abusare delle figlie di Craster. Karl ordina poi a Rast di portare l'ultimo figlio maschio di Craster nei boschi come offerta agli Estranei. Jon e suoi uomini attaccano i disertori dei Guardiani della Notte, che vengono tutti uccisi. Al Castello Nero, Jon e i superstiti dello scontro al Rifugio di Craster vengono accolti dai loro confratelli. Successivamente, nella Sala Comune, Lord Snow consiglia a Ser Alliser di sigillare il tunnel sotto la Barriera, per evitare che l'esercito di Mance Rayder possa attraversarlo. La sua richiesta viene però rifiutata.

Sulla Barriera, mentre i Guardiani della Notte si preparano all'attacco da parte dei Bruti, Jon e Sam hanno una conversazione su Ygritte e i voti dei Guardiani della Notte. Sam afferma che avere rapporti con una donna non è esplicitamente proibito. Più tardi nella biblioteca Sam ha una discussione con il Maestro Aemon su Gilly, che arriva poco dopo alla Barriera. Sam la fa entrare, ma la loro riunione viene interrotta dal doppio suono del corno, segnale che indica l'arrivo dell'esercito di Mance Rayder, il quale ha fatto appiccare il più grande incendio che il Nord abbia mai visto. I Bruti attaccano da entrambi i lati della Barriera: un esercito cerca di scalare la parete di ghiaccio, mentre il gruppo di Tormund e Styr attacca il castello da sud.

Jon snow 4x09

Per riuscire a sfondare il cancello esterno del tunnel, i Bruti ricorrono all'aiuto dei giganti e di un mammut. Dopo aver ordinato di cominciare a scoccare frecce e lanciare olio dalla Barriera, Ser Alliser Thorne scende al castello per combattere, lasciando in carica Janos Slynt, che però si rivela essere un comandante incompetente e viene fatto scendere anche lui al livello principale da Grenn, in modo da lasciare Jon al comando. Pyp viene colpito al collo da una freccia di Ygritte e Sam cerca di calmarlo, ma non può evitare la morte del ragazzo tra le sue braccia. Jon chiede a Grenn di scegliere cinque uomini e di andare a difendere il cancello interno del tunnel dai giganti, azione che ha successo, ma che porta i sei confratelli alla morte. Lord Snow delega la difesa della Barriera a Eddison Tollett e scende al castello. Dopo aver visto Jon uccidere Styr, Ygritte si prepara a colpirlo con una freccia, ma viene uccisa alle spalle da Olly con la medesima arma, dritta al cuore. Jon stringe Ygritte a sé mentre sta morendo. Con l'aiuto del meta-lupo di Jon, Spettro, i Guardiani della Notte riescono a prevalere sui Bruti di Tormund, il quale viene preso prigioniero. L'esercito, sconfitto da entrambi i lati, si ritira, ma è solo una tregua. Jon sa che Mance non rinuncerà mai al suo intento e che i Bruti sono uniti solo grazie a lui. Se Mance morisse, rimarrebbero senza leader e si distruggerebbero a vicenda. Non vedendo altra scelta, Jon ordina a Sam di aprire il cancello del tunnel e va al di là della Barriera per trovare e uccidere Mance.

Jon culla ygritte morente 4x10

Dopo avere assistito alla morte di Ygritte, Jon concede all'amata una adeguata sepoltura, dando alle fiamme il suo corpo. Jon Snow viene successivamente accompagnato da Melisandre al cospetto di Stannis Baratheon. Quest'ultimo chiede a Snow di convincere Mance Rayder ad accettare un accordo: se Mance si inchinerà al suo cospetto e i Bruti combatteranno con lui contro Roose Bolton, il re concederà loro delle terre a sud della Barriera. Jon non riesce a convincere Mance, il quale viene messo al rogo da Melisandre. Per porre fine alle sue sofferenze, Jon lo uccide con una freccia in pieno petto.

Quinta Stagione

Jon snow, stannis, davos and melisandre 5x01

Re Stannis rimprovera Jon per aver mostrato pietà durante il rogo di Mance Rayder. Stannis propone di legittimare il giovane Snow, rendendolo Jon Stark, Lord di Grande Inverno. Jon rifiuta l'accordo e viene eletto novecentonovantottesimo Lord Comandante dei Guardiani della Notte, battendo Ser Alliser Thorne e Denys Mallister. Stannis si reca da Jon Snow, recentemente nominato Lord Comandante dei Guardiani della Notte. Jon, dopo aver rifiutato l'offerta di diventare Jon Stark, chiede a Stannis quanto tempo intenda rimanere alla Barriera, dato che i viveri iniziano a scarseggiare. Il re risponde dicendo che i suoi uomini partiranno per Grande Inverno passate due settimane. Ser Davos consiglia a Lord Jon di unire i Guardiani della Notte all'esercito di Stannis, in modo da togliere il Nord ai traditori Bolton. Nella sala comune, Jon nomina Ser Alliser Primo Ranger (tra lo stupore di tutti i presenti) e chiede a Janos Slynt di lasciare il Castello Nero per recarsi a Guardia Grigia, una fortezza in rovina ai piedi della Barriera. Slynt rifiuta gli ordini di Jon e quest'ultimo lo decapita.

Jon snow 5x02
Al Castello Nero, Stannis Baratheon cerca di nuovo di convincere Jon Snow ad aiutarlo nella conquista di Grande Inverno. Il Lord Comandante rifiuta a causa del giuramento ai Guardiani della Notte. Il re torna nelle sue stanze, dove incontra sua figlia Shireen. Quest'ultima gli chiede se lui la abbia mai amata e Stannis dimostra il suo affetto raccontandole che quando lei era piccola fece di tutto pur di salvarle la vita dal Morbo Grigio e di tenerla a Roccia del Drago. Anche Melisandre cerca, offrendo il proprio corpo, di convincere Jon Snow a seguire Stannis nella sua causa. Il nuovo Lord Comandante afferma di amare ancora Ygritte e rifiuta la sacerdotessa, che prima di dileguarsi proferisce la frase che solitamente la bruta diceva a Jon: "Tu non sai niente, Jon Snow", la quale lo lascia attonito. Jon Snow si reca da Maestro Aemon per chiedere consiglio riguardo alla questione dei Bruti. Determinato a trovare un accordo con il Popolo Libero, Jon teme che una gran parte degli uomini dei Guardiani della Notte possa non essere d'accordo con le sue decisioni. Aemon gli dice che la sua opinione non gli sarà di alcun aiuto e gli consiglia di crescere
Jon snow and melisandre 5x03
e uccidere il ragazzo che è in lui, in modo da diventare un uomo adulto che agisce secondo il suo istinto. Jon decide dunque di proporre a Tormund un accordo di pace: i Bruti rimasti oltre la Barriera dovranno radunarsi e scendere nel Dono (le terre dei Guardiani della Notte a sud della Barriera), dove essi potranno vivere in tranquillità. Tormund esige che, se dovrà recarsi ad Aspra Dimora per riunire il Popolo Libero, Jon venga con lui. Jon accetta e informa Tormund di avere il sostegno e le navi di Stannis. Al Castello Nero, Jon Snow lascia il comando al Primo Ranger Alliser Thorne e si mette in viaggio per Aspra Dimora con Tormund, Edd e alcuni Guardiani della Notte. Prima di lasciare il castello, il Lord Comandante riceve una sacca da Samwell Tarly contenente le daghe di ossidiana trovate al Pugno dei Primi Uomini, le uniche armi in grado di uccidere un Estraneo.
Jon snow and tormund 5x08
Jon Snow, Tormund e alcuni Guardiani della Notte giungono ad Aspra Dimora, dove vengono malamente ricevuti dal Lord delle Ossa: Tormund lo pesta a morte in risposta alle sue provocazioni. Quella sera, durante una riunione, Jon cerca di convincere i Bruti a seguirlo nella sua causa, per ottenere così qualche speranza di sopravvivere agli Estranei. Gli promette inoltre un alloggio nel Dono e una sacca piena di vetro di drago. Tormund garantisce per Jon e questo fa si che alcuni, tra cui la bruta Karsi, si uniscano alla causa dei Guardiani della Notte e comincino ad imbarcarsi. Proprio in quel momento, a sorpresa, viene sferrato il primo grande attacco da parte di Estranei e non-morti, che si riversano sui Bruti celati da una spettrale nebbia bianca. La Bruta Karsi affida le sue due figlie a una ragazza e loro si imbarcano, mentre la madre torna a combattere. Jon Snow, nonostante la confusione, fa schierare i suoi confratelli e guida una disperata resistenza. Nella confusione generale Loboda, del clan dei Thenn, ricorda a Snow del vetro di drago, rimasto nella capanna di legno in cui si svolse la riunione, e i due corrono a prenderlo. La capanna nel frattempo ha preso fuoco, ma i due entrano ugualmente e vengono presto raggiunti da un Estraneo che attraversa indenne le fiamme. Mentre Jon prova a raggiungere i pugnali di ossidiana, Loboda tenta di rallentare l'Estraneo ma viene ucciso. Lord Snow viene raggiunto dall'Estraneo, che lo allontana dal vetro e lo scaraventa a terra. Qui i due combattono e Jon viene ferito all'addome. Una volta rialzatosi, afferra Lungo Artiglio, che, grazie all'Acciaio di Valyria, resiste alla lama della spada dell'Estraneo e permette a Jon di ucciderlo. Nel frattempo, il Re della Notte
Jon snow 5x04
degli Estranei osserva il combattimento dalla cima di un monte e da' presto l'ordine ad un'orda di non-morti di attaccare. I mostri si lanciano dal monte, sopravvivendo alla caduta, e iniziano a massacrare gli uomini. Jon da' l'ordine di ritirata via mare, ma l'armata degli Estranei continua ad avanzare e uccidere Bruti, tra cui Karsi, divorata viva da bambini non-morti. Al sicuro sulle scialuppe, i confratelli e i bruti assistono ad una dimostrazione di forza del Re della Notte che fa risorgere sotto forma di non-morti tutti i caduti della battaglia.
Jon snow 5x10

Alla Barriera, Jon Snow e i suoi compagni fanno ritorno e, con sollievo del Lord Comandante, ser Alliser Thorne fa' aprire i cancelli. Nel Castello Nero, per i Guardiani della Notte, visto il fallimento della missione, non riserbano il miglior benvenuto per i nemici. Sam chiede a Jon di potersi recare a Vecchia Città con Gilly e il bambino, dove sarebbe potuto diventare maestro. Il Lord Comandante esita, perché non vuole perdere uno dei suoi ultimi amici e sostenitori, ma alla fine accetta. Intanto, giunto alla Barriera, ser Davos Seaworth prova a convincere Jon a dargli alcuni cavalli, ma inutilmente; i due vengono poi raggiunti da Melisandre, che, con un'espressione triste, non risponde alle domande dei due uomini. La sera stessa il giovane Olly dice a Jon che un bruto ha riferito di sapere dove si trovi Benjen, lo zio di Jon da lungo disperso. La notizia si rivelerà falsa, architettata dai compagni di Jon per attirarlo nel cortile del castello. Qui Alliser e molti altri Confratelli gli si avvicinano e lo accoltellano all'addome, esclamando la frase: "Per la Confraternita". Ferito ma non ucciso, il Lord Comandante cade in ginocchio ed in quel momento gli si avvicina Olly, che gli dà il colpo di grazia, pugnalandolo al cuore. Jon Snow cade a terra in una pozza di sangue.

Sesta Stagione

Melisandre resuscita jon 6x01

Al Castello Nero Ser Davos, Edd Tollett e gli altri Guardiani della Notte fedeli a Jon Snow vegliano sul suo cadavere dopo averlo trovato nella neve; dopo aver liberato Spettro, il metalupo di Jon, Ser Davos torna nella stanza per vegliare sul corpo del Lord Comandante ma viene raggiunto da Melisandre, la quale gli rivela che aveva visto nelle fiamme Jon trionfare a Grande Inverno nella battaglia contro i Bolton. La donna lascia poi la stanza visibilmente afflitta. Nel frattempo Alliser Thorne prende il controllo del castello, confessando di essere implicato nell'assassinio del Lord Comandante ma di averlo fatto per preservare l'ordine dei Guardiani della Notte dalla rovina. Edd va in cerca di aiuto mentre Thorne dà un'ultimatum a Davos e agli altri Guardiani della Notte fedeli a Jon Snow, asserragliati dentro una stanza. Al Castello Nero, gli uomini di Ser Alliser sono pronti a sterminare Ser Davos e gli altri Guardiani della Notte fedeli a Jon Snow, ma giungono al castello Tormund e Edd, i quali fermano Thorne e gli altri Guardiani della Notte con l'aiuto di un gruppo di Bruti. Edd fa imprigionare gli ufficiali e Olly, mentre gli altri uomini si arrendono. Ser Davos riesce a convincere Melisandre a compiere il rituale magico della resurrezione sul corpo di Jon Snow, utilizzando i poteri che il Signore della Luce le concede.

Jon snow 6x02

La donna pulisce le sue ferite, tagli alcune ciocche dei capelli e della barba per bruciarle tra le fiamme e infine impone le sue mani sul corpo, cantando un'antica canzone di Valyria. Completato il rituale però, non accade nulla e pensando di avere fallito, Melisandre, seguita successivamente da Ser Davos, abbandona la stanza. Pochi minuti dopo però, Jon si risveglia. Al Castello Nero, Ser Davos e Melisandre scoprono della resurrezione di Jon Snow. La Donna Rossa si convince del fatto che il ragazzo è il principe promesso della profezia, mentre Davos non riesce a capacitarsi del suo ritorno. Più tardi, dopo aver incontrato Tormund, i Bruti ed i suoi confratelli, Jon condanna a morte per impiccagione i suoi assassini. Ordina poi che i loro corpi vengano bruciati, e rassegna le dimissioni da lord comandante consegnando il ruolo a Edd, mettendo fino alla sua guardia.

Jon e sansa 6x04

Pochi giorno dopo al Castello Nero giungono Sansa Stark, Podrick e Brienne, che vengono immediatamente accolti da Jon Snow, che abbraccia con calore la sorellastra. Successivamente, un messaggero dei Bolton raggiunge il castello, portando una lettera carica di minacce da parte di Ramsay, cosa che spinge Jon e Sansa a scendere in guerra per riprendersi Grande Inverno. Jon e Davos discutono una strategia per riunire più vassalli possibile e creare un grande esercito. In seguito, Sansa invia Brienne alla volta di Delta delle Acque, dove cercherà di ottenere l'aiuto militare dello zio di Sansa Brynden Tully. Jon Snow, Sansa Stark e Davos Seaworth visitano alcuni castelli dove cercano di reclutare uomini per la battaglia contro i Bolton. Dopo aver ottenuto l'appoggio dei Bruti, i tre ricevono un piccolo contingente di uomini da Lady Lyanna Mormont dell'Isola dell'Orso e un netto rifiuto da lord Glover di Deepwood Motte. Più tardi, Jon afferma che dovranno marciare con gli uomini che hanno, pur sapendo che non basteranno; Sansa, allora, scrive una misteriosa lettera.

Jon snow 1 6x09
A Grande Inverno, Jon Snow e Ramsay Bolton si incontrano prima della battaglia: Jon propone un duello in singolar tenzone, per evitare l'imminente massacro, ma Ramsay rifiuta. Quella stessa notte, Jon e Sansa hanno una breve discussione sulle tattiche della battaglia, cui segue l'abbandono dell'accampamento da parte di Sansa. La mattina seguente inizia la battaglia, inaugurata dalla sadica uccisione di Rickon, fatto correre in mezzo al campo di battaglia e in seguito colpito da Ramsay con una freccia, vicino ad un impotente Jon. La cavalleria di Jon, furioso, carica incoscientemente per prima e decima la cavalleria avversaria: il prezzo però è la morte dei suoi cavalieri. Nonostante il suo valore, l'esercito degli Stark viene accerchiato dai lancieri Bolton, dai soldati Umber e falcidiato dagli arcieri. Sopraggiunge poi la carica corpo a corpo degli arcieri guidati da Davos, che purtroppo finiscono anche loro nell'accerchiamento. Ad un passo dalla sconfitta, giunge l'insperato aiuto dei Cavalieri della Valle, guidati da Lord Petyr Baelish e Sansa, che sconfiggono definitivamente tutto l'esercito Bolton. Ramsay riesce a fuggire e a rifugiarsi dentro Grande Inverno,
Jon snow 6x09
ordinando di prepararsi all'assedio che seguirà, ma il gigante Wun Wun, pur essendo gravemente ferito, prima di soccombere, riesce a sfondare il portone d'ingresso. I bruti fanno irruzione nel castello e Jon, accecato dall'ira, rischia di uccidere Ramsay con le proprie mani, ma riesce a fermarsi nel vedere Sansa. Ramsay viene preso prigioniero e dato in pasto ai suoi stessi cani da Sansa, mentre sulle mura di Grande Inverno viene sostituito il vessillo dell'uomo scuoiato dei Bolton con il meta-lupo degli Stark.
Jon snow 6x10 fdnj
Ristabilito l'ordine, Ser Davos accusa Melisandre di fronte a Jon Snow di aver bruciato la principessa Shireen. Melisandre ammette le sue colpe, affermando di averlo fatto in nome del Signore della Luce. Davos chiede a Jon Snow il permesso di giustiziare la sacerdotessa, ma quest'ultima afferma che Jon avrà bisogno del suo aiuto per combattere gli Estranei. Jon decide però di allontanare Melisandre, minacciando di giustiziarla se dovesse fare ritorno al Nord. Più tardi, gli alfieri degli Stark, tra cui lord Manderly, lord Glover e lord Cerwyn, spronati dalla giovane Lady Mormont, giurano piena fedeltà a Jon Snow, arrivando ad acclamarlo come nuovo Re del Nord, con il soprannome di Lupo Bianco.

Settima Stagione

A Grande Inverno, il re nel nord Jon Snow, coordina le sue truppe e i suoi alleati, stabilendo che tutti gli uomini e le donne di età compresa tra i dieci e i sessanta anni, dovranno essere istruiti nel combattimento se vogliono sperare di potere sconfiggere gli Estranei. Lui sottolinea che adesso l'Acciaio di Drago o di Valyria è diventato più prezioso dell'oro stesso e che si tratta dell'unica arma per sconfiggere gli Estranei, per cui dovranno trovarne quanto più possibile. Successivamente Davos porta a Sansa e Jon una lettera inviata dalla regina Cersei Lannister in persona, che appena incoronata, chiede che gli Stark si sottomettano alla sua autorità di Regina dei Sette Regni o anche loro verranno tratti come traditori. Mentre Jon è preoccupato per gli Estranei, Sansa lo avverte di non sottovalutare mai Cersei, perché sarà pronta a tutto pur di distruggerli.

Jon Snow discute con la sorella Sansa e Ser Davos del messaggio che è stato recapitato loro per conto di Daenerys e firmata per conto di Tyrion Lannister. Jon giunge alla conclusione di dovere fare visita alla Regina dei Dragho. Davos lo sostiene, aggiungendo che Dany sarà un buon alleato nella guerra contro gli Estranei. Alcuni giorni dopo, il Maestro Wolkan porta a Jon Snow un messaggio di Samwell Tarly dalla Cittadella. Jon raccoglie i signori del nord nella sala principale e annuncia loro della lettera, che rivela l'esistenza di un giacimento di vetro di drago sotto a Roccia del Drago. Lady Lyanna Mormont invece esorta il re del Nord a rimanere a casa, adesso che c'è più bisogno di lui. Jon sa esattamente di stare intraprendendo un viaggio rischioso, ma sottolinea che la lotta contro gli Estranei è più importante e avranno bisogno di Daenerys se sperano di proteggere il Nord. Jon sottolinea che il Nord è la sua casa, fa parte di lui e non smetterà mai di combattere per questo. Sansa ribadisce la sua obiezione schierando con i lord Royce e Glover. Jon allora comunica la sua ultima decisione. In questo modo nomina Sansa Regina del Nord in sua assenza poiché è sua sorella. Sansa accetta, ma Brienne di Tarth guarda a Sansa allarmata.

Tyrion e Missandei danno il benvenuto a Jon e ser Davos sulle coste dell'isola, ordinando ai Dothraki di requisire tutte le loro armi e le loro navi. Tyrion e Jon si salutano comunque cordialmente e si dirigono alla sala del trono. Una volta arrivati alla sala del trono, Daenerys chiede a Jon di sottomettersi alla sua potenza e di giurarle fedeltà come suo Protettore del Nord, ma questi si rifiuta di farlo, domandandole appoggio nella guerra contro gli Estranei e dichiarandosi non coinvolto nello scontro tra lei e Cersei. Daenerys non crede alle sue parole e ribadisce la sua imposizione, ma Jon rifiuta nuovamente, non conoscendola affatto. Nei giorni successivi, ospite della regina, Jon osserva il mare da una scogliera. Poco dopo viene raggiunto dal nano di casa Lannister. Tyrion conversa con Jon, intercedendo con successo a favore di Daenerys e ottenendo da lei il permesso di fargli estrarre il vetro di drago dal sottosuolo. La Madre dei Draghi, pur lodando la risolutezza e l'onestà di Jon, rimane scettica sull'esistenza degli Estranei.

Davos osserva che Jon sembra un po' attratto da Daenerys, ma Jon taglia corto al conversazione, dicendo che non ha il tempo di pensare a queste cose. Jon mostra a Daenerys l'immensa quantità di Vetro di Drago da estrarre dalle caverne che si trovano al di sotto dell'isola. Al suo interno sono incisi dei pittogrammi antichissimi, realizzati dai Figli della Foresta. Nelle illustrazioni, vengono ritratti questi ultimi, lottare insieme ai Primi Uomini, contro il loro comune nemico: gli Estranei. Jon rinnova a Daenerys la richiesta di alleanza e quest'ultima ribadisce che lo aiuterà a sconfiggere i suoi nemici, ma a patto che lui si inchini al suo cospetto, riconoscendola come unica e vera regina. Una volta al di fuori della grotta però, la Madre dei Draghi viene informata della morte di Olenna Tyrell e del suo esercito. Furibonda, Daenerys realizza che tutti i suoi alleati sono morti o catturati, mentre lei, per tutto questo tempo, è rimasta sulla sua isola ad attendere che tutto ciò avvenisse. Daenerys decide allora di attaccare direttamente la Fortezza Rossa con i suoi tre draghi, nonostante l'opinione contraria di Tyrion, che la sprona a cambiare idea. Daenerys decide quindi di chiedere consiglio a Jon, il quale afferma che le persone che la seguono hanno creduto in lei perché ha realizzato cose ritenute impossibili e che potrà continuare a farlo costruendo un regno migliore di quello di suo padre, e non ci riuscirà dando alle fiamme migliaia di innocenti e attaccando Approdo del Re. Daenerys sembra voler dare retta al Re del Nord.

Bruciate tutte le scorte dei Lannister e appropriatasi dei sopravvissuti guerrieri Lannister all'incendio provato da suoi draghi, Daenerys fa ritorno a casa e Jon è lì ad aspettarla. Jon Snow osserva che la regina non è stata via per molto tempo, Daenerys risponde con cautela che ha meno nemici da affrontare adesso. Jon informa Daenerys circa la visione di Bran dell'esercito dei morti che marcia verso il Forte Orientale. Tyrion è presente e propone di portare a Sud dalla regina Cersei Lannister un Estraneo per dimostrare che l'esercito dei morti è reale. Jorah si offre volontario per andare al nord per aiutare a catturare un Estraneo mentre Jon si offre volontario per guidare la spedizione. Jon, Ser Davos, Gendry e Ser Jorah si incontrano con Tormund e gli spiegano le loro intenzioni e ciò che pianificano di fare se la loro missione avrà successo. Infatti, catturando un estraneo, saranno finalmente in grado di dimostrare a tutti la veridicità delle loro parole. Il comandante dei Bruti rivela loro di aver catturato degli uomini che potrebbero fare al caso loro, la Fratellanza senza vessilli, oltre che il Mastino, intenzionati a loro volta ad andare oltre la Barriera. Clegane, Beric Dondarrion e Thros di Myr si uniscono così alla loro pericolosa spedizione. Malgrado le tensioni tra Jorah e Tormund e tra Gendry e la Fratellanza, il gruppo parte per la spedizione a nord della Barriera, con l'eccezione di Davos che rimarrà al forte.

Giunti al monte visto dal Mastino nelle fiamme, Jon guida un'imboscata contro un Estraneo e una piccola avanguardia di non-morti che lo seguono. Ucciso l'Estraneo, tutti i non-morti periscono eccetto uno, che viene inibito, ritenendo che ogni non-morto è legato all'Estraneo che lo ha generato. Il sopravvissuto allarma il Re della Notte e Jon ordina la ritirata, imponendo a Gendry di tornare al Forte Orientale per inviare un corvo a Daenerys e chiedere soccorso. Il gruppo rimane circondato dall'esercito non-morto su un isolotto in mezzo ad un lago ghiacciato, che i non-morti hanno paura di attraversare per paura di finire in acqua. Poche ore dopo però Thoros perde la vita e Beric brucia il suo cadavere. Intanto Gendy corre il più velocemente possibile verso la Barriera e la sua richiesta di aiuto giunge a Roccia del Drago, dove Daenerys, nonostante Tyrion cerchi di fermarla, parte subito dall'isola con i suoi tre draghi. La situazione è disastrosa e Tormund rischia di venire ucciso, ma l'arrivo di Daenerys ribalta la situazione. Mentre Viserion e Rhaegal distruggono le orde di non-morti con le loro fiamme, Daenerys atterra sull'isolotto a bordo di Drogon per permettere al gruppo di montare in groppa e fuggire via. Jon rimane a terra per dare agli altri abbastanza tempo per salire su Drogon con il non-morto catturato, ma nel frattempo il Re della Notte con un giavellotto di cristallo riesce ad uccidere Viserion, tra lo shock dei presenti.

Jon, vedendo che il Re della Notte sta per lanciare un altro giavellotto stavolta rivolto contro Drogon, urla a Daenerys e gli altri di andarsene, subito prima di venir trascinato in acqua dai non-morti. La Madre dei Draghi, a malincuore, ordina la fuga. Il ragazzo, dopo essere uscito a fatica dall'acqua, viene raggiunto e salvato da suo zio Benjen, che cede il suo cavallo e si sacrifica per permettergli la fuga. Jon privo di sensi, ma ancora vivo nonostante l'ipotermia riesce a raggiungere la Barriera e viene soccorso e trasportato sulla nave della flotta Targaryen e poi spogliato degli abiti congelati. Daenerys ha modo di vedere le cicatrici delle ferite mortali sul corpo di Jon, capendo che Davos non esagerava sul suo conto. Al suo risveglio, Jon tenta di consolarla per la morte di Viserion, ma quest'ultima, ormai determinata a sconfiggere il Re della Notte, promette a Jon il suo aiuto. Per ringraziarla, Jon rinuncia al titolo di Re Del Nord e diventa suo Lord, durante la conversazione i due si accorgono di provare dei sentimenti l'uno per l'altra. Daenerys però prima di lasciarsi trasportare, abbandona la stanza per permettere a Jon di recuperare la fatica.

Una volta ad Approdo del Re, mostrato il non-morto a Cersei Lannister, la regina proclama quindi una tregua, offrendo ai due il proprio aiuto, senza aspettarsi niente in cambio, comandando di convocare tutti i suoi alfieri immediatamente. Questo però non si rivelerà altro che essere un inganno della donna. Daenerys, Jon, Jorah, Tyrion, Missandei e Varys pianificano il viaggio per raggiungere il Nord, passando per il Porto Bianco. Per dimostrare che Daenerys voglia aiutare il Nord e non conquistarlo, la donna non viaggerà in groppa al suo drago, ma accompagnerà Jon con le sue navi. Sulla nave della flotta Targaryen diretta a Porto Bianco, Jon entra nella cabina di Daenerys e i due decidono finalmente di abbandonarsi ai loro sentimenti, facendo sesso.


Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.