FANDOM


Jaime Lannister nasce nel 266º anno dopo la conquista del Continente Occidentale da parte di Aegon Targaryen; è il primo maschio di lord Tywin Lannister e sua moglie Joanna, fratello gemello di Cersei, nato pochi istanti dopo, stringendo in mano un piede di lei. Uomo alto, muscoloso, con lunghi capelli ricci dorati, è considerato un uomo estremamente bello, ma il suo aspetto peggiora dopo la prigionia a Delta delle Acque.

Con l'inizio di una guerra di successione scoppiata dopo la morte di re Robert, Jaime è in prima fila tra le schiere Lannister comandate da suo padre Tywin. Successivamente però viene rapito e preso come ostaggio dagli Stark, che sperano di scambiarlo con le sorelle Sansa e Arya, tenute prigioniere alla Fortezza Rossa. Per impedirgli di fuggire nuovamente, Edmure Tully lo trasferisce nei sotterranei, dove viene incatenato e lasciato sporco e malnutrito. Un giorno lady Catelyn si presenta alla sua cella con l'intenzione di interrogarlo: lui le racconta di alcuni episodi del suo passato, tra i quali l'uccisione del Re Folle, e ammette il suo rapporto incestuoso con Cersei e il tentato omicidio di Bran Stark. Lo Sterminatore di Re viene a sorpresa liberato da lady Stark, che ingenuamente spera di poter così riavere indietro le sue due figlie imprigionate ad Approdo del Re. Jaime viene scortato alla capitale da Brienne di Tarth.

Durante il viaggio Jaime e Brienne vengono però presi prigionieri da un gruppo di Guitti Sanguinari comandato da lord Bolton. Mentre è prigioniero dei Guitti Sanguinari, a Jaime viene amputata la mano destra. Il recupero è lungo e doloroso, e Jaime attraversa un momento di forte crisi personale. Gli viene infine concesso di tornare ad Approdo del Re, ma durante il tragitto decide di tornare indietro per salvare Brienne di Tarth dalla prigionia. Tornato ad Approdo del Re, Jaime torna al comando della Guardia Reale, e inizia a prendere confidenza con la sua mano sinistra, con cui è costretto a maneggiare la spada. Nel frattempo assiste al processo di suo fratello Tyrion, accusato di aver ucciso re Joffrey, e si ricongiunge con l'amata sorella. Avendo però ormai stretto un forte legame con Brienne di Tarh, Jaime cede a quest'ultima la propria spada di acciaio di Valyria appena avuta in dono da suo padre e le ordina di cercare Sansa Stark per mantenere la promessa a Catelyn Stark. Con l'aiuto di Varys, riesce a far scappare suo fratello dalle prigioni della Fortezza Rossa.

Cersei gli ordina di lasciare Approdo del Re per assumere il controllo sull'assedio di Delta delle Acque. Jaime accetta, a patto che possa portare con sé ser Ilyn Payne. Il castello è sotto il controllo di ser Brynden Tully, chiamato il "Pesce Nero", uno dei pochi cavalieri ancora fedeli a Robb Stark. Prima di partire, Jaime si fa forgiare una mano d'oro per sostituire la mano perduta. Recatosi a Delta delle Acque, riesce a riprendere il castello senza spargimenti di sangue.


Biografia

Fin da piccolo Jamie e sua sorella gemella Cersei appaiono inseparabili e provano una reciproca attrazione che va ben oltre il normale rapporto tra fratello e sorella. Dopo che i due gemelli vengono scoperti da un servo in atteggiamenti troppo intimi, la loro madre, Lady Joanna, informata dell'accaduto, dispone che le loro camere siano spostate rispettivamente dalle parti opposte di Castel Granito. A nove anni Jaime perde sua madre mentre dà alla luce suo fratello Tyrion. Sebbene Tyrion nasca nano e deforme, Jaime lo tratta sempre con gentilezza e rispetto, al contrario di Cersei e suo padre Tywin, che invece lo disprezzano.

Dopo aver ucciso il re Folle, aspetta l'arrivo di Ned Stark, a capo dell'avanguardia delle truppe di Robert Baratheon, seduto sul Trono di Spade con ancora la spada sporca del sangue del re che aveva giurato di proteggere. Per questo gesto Eddard Stark proverà sempre avversione nei suoi confronti. Ottiene il perdono reale dal nuovo sovrano Robert Baratheon e farà parte della scorta che condurrà Cersei Lannister ad Approdo del Re per sposare il re. Negli anni successivi, dalla sua relazione clandestina e incestuosa con Cersei nascono tre figli, Joffrey, Myrcella e Tommen, che Cersei spaccia per figli ed eredi legittimi di Robert Baratheon. La prima e unica volta che Cersei rimane incinta di Robert Baratheon, Jaime trova una donna alla sorella in modo che possa abortire e liberarsi del figlio di Robert.

Prima Stagione

Dopo la morte improvvisa di Jon Arryn, Primo Cavaliere del Re, Robert Baratheon viaggia verso nord a far visita a Ned Stark a Grande Inverno per convincerlo a prendere il posto di lord Arryn. Gran parte della corte accompagna il re nel suo viaggio tra cui la sua Guardia Reale Jaime e sua sorella, la regina Cersei. Durante una battuta di caccia prima del loro ritorno al sud, Jaime e Cersei vengono scoperti da Bran Stark, uno dei figli minori di Ned, in atteggiamenti intimi in una torre diroccata del castello. Jaime lo fa precipitare dalla finestra per sbarazzarsi di lui, in modo che non possa raccontare ciò che ha visto. Bran sopravvive, ma non ricorderà più nulla dell'accaduto. Dopo l'arrivo di Eddard Stark ad Approdo del Re, ora Primo Cavaliere del Re, Jaime partecipa al torneo voluto da re Robert in onore di Ned. Essendo un ottimo cavaliere vince in vari scontri, ma viene sconfitto alla fine dal Mastino. Nella caduta, l'elaborato elmo a forma di testa di leone indossato da Jaime si deforma ed egli, non riuscendo più a toglierselo, deve farsi aiutare a lasciare il campo tra l'ilarità generale della folla.

Venuto a conoscenza del rapimento del fratello Tyrion da parte di lady Catelyn Stark, tende un agguato ad Eddard che, dopo uno scontro verbale con re Robert durante una seduta del Concilio Ristretto del Re, non è più formalmente il Primo Cavaliere del re. In seguito allo scontro, Eddard rimane gravemente ferito e una buona parte della sua scorta rimane uccisa. Dopo l'agguato a Ned, Jaime scappa a Castel Granito, dove comincia a radunare un esercito. Con l'inizio di una guerra di successione scoppiata dopo la morte di re Robert, Jaime è in prima fila tra le schiere Lannister comandate da suo padre Tywin. Successivamente però viene rapito e preso come ostaggio dagli Stark, che sperano di scambiarlo con le sorelle Sansa e Arya, tenute prigioniere alla Fortezza Rossa.

Seconda Stagione

All'accampamento del Nord, Robb Stark visita il suo prigioniero Jaime Lannister riferendogli che ha saputo del suo incesto con Cersei da Stannis e lo incolpa del fatto che Bran è rimasto paralizzato e che Eddard è stato ucciso. Robb lo informa, inoltre, che egli intende inviare il cugino Alton Lannister ad Approdo del Re con i termini di pace. Robb sa che non può battere i Lannister da solo.

Nell'accampamento di Robb, il cugino di Cersei e Jaime, Alton Lannister, mandato in precedenza a riferire le condizioni di pace di Robb a Cersei, torna con la risposta negativa della regina. Per mancanza di celle, il giovane viene imprigionato accanto al cugino Jaime. Alton nutre una profonda ammirazione verso il cugino, cui ha fatto una volta da scudiero, e gli dice di essere disposto a tutto per aiutarlo. Jaime, approfittando della fiducia del ragazzo, lo avvicina e lo uccide selvaggiamente, facendo avvicinare una guardia allarmata dalle grida. Quando la guardia, che altri non è che il figlio di lord Karstark, alleato degli Stark, si accosta al corpo di Alton, Jaime lo soffoca con le catene delle proprie manette, gli ruba la chiave e fugge dall'accampamento. Ma la sua fuga non dura molto, dato che viene ricatturato l'indomani e portato al cospetto di lord Karstark, che vuole vendetta.

Mentre Jaime è ancora prigioniero degli Stark a Delta delle Acque, Tyrion elabora un piano per liberarlo, servendosi di soldati travestiti, ma il piano fallisce. Per impedirgli di fuggire nuovamente, Edmure Tully lo trasferisce nei sotterranei, dove viene incatenato e lasciato sporco e malnutrito. Un giorno lady Catelyn si presenta alla sua cella con l'intenzione di interrogarlo: lui le racconta di alcuni episodi del suo passato, tra i quali l'uccisione del Re Folle, e ammette il suo rapporto incestuoso con Cersei e il tentato omicidio di Bran Stark. Lo Sterminatore di Re viene a sorpresa liberato da lady Stark, che ingenuamente spera di poter così riavere indietro le sue due figlie imprigionate ad Approdo del Re.

Terza Stagione

Jaime viene scortato alla capitale da Brienne di Tarth e da suo cugino Cleos Frey. Durante il viaggio Jaime e Brienne vengono però presi prigionieri da un gruppo di Guitti Sanguinari comandato da lord Bolton. Mentre è prigioniero dei Guitti Sanguinari, a Jaime viene amputata la mano destra. Il recupero è lungo e doloroso, e Jaime attraversa un momento di forte crisi personale. Gli viene infine concesso di tornare ad Approdo del Re, ma durante il tragitto decide di tornare indietro per salvare Brienne di Tarth dalla prigionia.

Tornato ad Approdo del Re, Jaime torna al comando della Guardia Reale, e inizia a prendere confidenza con la sua mano sinistra, con cui è costretto a maneggiare la spada.

Quarta Stagione

Dopo l'assassinio di Lord Tywin a opera di Tyrion, Jaime resta per diversi giorni a vegliare sul corpo del padre, chiedendosi se stia realmente provando dolore per il ben poco affettuoso genitore, ma sentendosi comunque in colpa per la sua morte. Durante la notte, Cersei lo va a trovare e lo prega di diventare Primo Cavaliere del Re. Jaime rifiuta e Cersei, infuriata, afferma di essere stata una pazza solo per averlo amato. Dopo essersi fatto munire di una mano dorata, Bronn, su richiesta di Tyrion, aiuta Jaime a riacquistare la padronanza dell'uso della spada.

Durante i festeggiamenti del matrimonio, Joffrey, dopo aver messo in scena uno spettacolo di cattivo gusto chiamato "La guerra dei cinque re", interpretato da nani in costume, insulta e umilia più volte Tyrion, e lo obbliga a fargli da coppiere. Dopo l'arrivo della torta nuziale, il re chiede che gli venga portata la coppa di vino, servita da Tyrion. Dopo qualche istante, però, il re inizia a tossire e a soffocare. Lady Olenna chiede che il re venga aiutato. Caduto a terra e tra le braccia dei suoi genitori, Cersei e Jaime, il re esala l'ultimo respiro puntando il dito contro Tyrion, che sta esaminando il calice caduto. Cersei, furiosa e piena di dolore, accusa pubblicamente Tyrion di regicidio e urla più volte alle guardie di prenderlo.

Jaime assiste così al processo di suo fratello Tyrion, accusato di aver ucciso re Joffrey, e si ricongiunge con l'amata sorella. Avendo però ormai stretto un forte legame con Brienne di Tarh, Jaime cede a quest'ultima la propria spada di acciaio di Valyria appena avuta in dono da suo padre e le ordina di cercare Sansa Stark per mantenere la promessa a Catelyn Stark. Con l'aiuto di Varys, riesce a far scappare suo fratello dalle prigioni della Fortezza Rossa e gli rivela la verità su Tysha, la ragazza che Tyrion anni prima aveva sposato e il cui matrimonio era stato infranto quando il padre Tywin, con la complicità di Jaime, aveva fatto passare la ragazza per una prostituta per poi farla stuprare dalle sue guardie. Infuriato, Tyrion gli fa credere di aver veramente ucciso suo figlio Joffrey e gli rivela che, durante la sua assenza, Cersei ha avuto rapporti sessuali con il loro cugino Lancel e con Osmund Kettleblack.

Quinta Stagione

Ad Approdo del Re, nel presente, Cersei raggiunge il Tempio di Baelor per il funerale di Tywin. Al cospetto del corpo di Tywin, la donna ha un diverbio con il gemello Jaime, il quale viene incolpato di aver provocato conseguenze disastrose liberando Tyrion. Cersei riceve la collana di sua figlia Myrcella come segno di minaccia da parte dei Martell del Principato di Dorne, dove la ragazza risiede dall'inizio della Guerra dei Cinque Re. La Regina Reggente chiede a Jaime di andare a sud per assicurarsi della sicurezza della loro figlia. Jaime viaggerà con Ser Bronn, il quale viene distolto dal suo interesse per Lollys Stokeworth e accetta di seguire lo Sterminatore di Re in cambio di un matrimonio più conveniente di quello precedentemente programmato da Cersei.

A Dorne, Jaime Lannister e Bronn vengono sorpresi da un gruppo di dorniani armati di lancia che li intima di deporre le armi. I due massacrano i soldati e si impadroniscono dei loro beni e dei loro cavalli. Proseguono così verso i Giardini dell'Acqua per liberare Myrcella dai Martell. Jaime Lannister e Bronn riescono ad entrare nei Giardini d'Acqua travestiti da soldati dorniani. Trovata Myrcella, Jaime cerca di persuaderla a fuggire con lui, ma la principessa è determinata a restare con Trystane. All'improvviso, Jaime, Bronn e i due principi vengono sorpresi dalle Serpi delle Sabbie, intenzionate a rapire la giovane Baratheon. Ha luogo dunque un combattimento, durante il quale Bronn viene ferito al braccio da una daga di Tyene Sand. A quel punto intervengono Hotah e le sue guardie, che arrestano Jaime, Bronn, le Serpi ed Ellaria, la quale era rimasta nascosta in attesa.

Jaime Lannister riceve la visita di Myrcella, accompagnata dal Capitano delle Guardie Areo Hotah. Jaime cerca di convincere la ragazza a tornare ad Approdo del Re, ma lei rifiuta, dicendo di essere innamorata di Trystane Martell. Jaime viene poi condotto al cospetto di Doran Martell, il quale gli chiede come mai abbia provato a rapire la principessa invece di discuterne con lui, che desidera la pace. Doran concede comunque al Lannister di tornare ad Approdo del Re con Myrcella e Trystane, che avrebbe partecipato al Concilio Ristretto, così da mantenere intatta l'alleanza tra la Corona e Dorne. Il principe Martell concede la libertà anche a Bronn, che riceve come unica punizione un pugno sulla faccia, come egli stesso fece a Trystane. Più tardi, Ellaria Sand giura fedeltà a Doran sotto gli occhi disgustati delle Serpi delle Sabbie ed in seguito incontra Jaime, e gli spiega che non trova nulla di strano nella sua relazione con Cersei e che lo ritiene innocente dell'omicidio di Oberyn.

Al porto dei Giardini dell'Acqua, a Dorne, Jaime, Bronn, Myrcella ed il principe Trystane Martell si accomiatano dal principe Doran Martell, le Serpi delle Sabbie ed Ellaria Sand. Quest'ultima saluta con estrema dolcezza Myrcella baciandola sulla bocca. Una volta salpati, Jaime confessa a Myrcella di essere suo padre, oltre che suo zio. La giovane principessa lo previene dicendogli che già lo aveva intuito e i due si abbracciano, ma subito dopo inizia a colare del sangue dal naso e dalla bocca della ragazza: è stata avvelenata da Ellaria Sand per mezzo del veleno che si era spalmata sulle labbra. La madre delle Serpi beve l'antidoto mentre Jaime cerca inutilmente di aiutare la figlia morente.

Sesta Stagione

Ad Approdo del Re, nell'apprendere della morte di Myrcella da Jaime, appena tornato da Dorne, Cersei è sempre più convinta della veridicità della profezia di Maggy, la quale le aveva predetto la morte di tutti e tre i suoi figli. Jaime le promette vendetta e che niente potrà mai dividerli. Re Tommen impedisce a Cersei di assistere al funerale di Myrcella, temendo che il Culto Militante possa farla nuovamente prigioniera. Dinanzi al corpo della sorella, dopo aver ammesso di essere stato un debole in occasione dell'imprigionamento dei suoi familiari, il re viene intimato da Ser Jaime a parlare con sua madre. Rimasto solo con l'Alto Passero, lo Sterminatore di Re lo minaccia, ma il vecchio septon gli fa notare come il potere suo e del credo militante sono tali da minacciare un impero. Circondato dal Cultisti Militanti, Jaime rinuncia ad attaccare l'Alto Passero, nonostante avrebbe potuto riuscire nell'intento.

Nella Fortezza Rossa, Cersei e Jaime si uniscono al Concilio Ristretto e convincono i membri di quest'ultimo a usare la forza contro i Passeri, per salvare Margaery e Loras e ristabilire l'ordine in città. L'Alto Passero concede a Tommen il permesso di parlare con la moglie Margaery, la quale sembra, almeno in apparenza, aver trovato la fede e aver preso una via più penitente. Più tardi, Jaime Lannister, accompagnato da Mace Tyrell ed il suo esercito, impedisce all'Alto Passero di dare inizio alla camminata della vergogna della regina, arrivando a minacciarlo di uccidere tutti i Passeri presenti se non la avesse lasciata andare. Tuttavia, il religioso rivela che i peccati di Margaery sono già stati espiati e mostra il marito Tommen come nuovo "adepto" della Fede. In seguito, Tommen invia Jaime a riconquistare Delta delle Acque.

A Delta delle Acque, Jaime Lannister, accompagnato da Bronn, arriva all'accampamento dei Frey, i quali stanno mettendo in atto un ridicolo tentativo di risolvere l'assedio minacciando di sgozzare Edmure, lasciando del tutto indifferente Brynden. Lo Sterminatore di Re irrompe nel campo con il suo esercito e prende il controllo dell'assedio. Una delle prime misure di Jaime è quella di incontrare ser Brynden per discutere della resa del castello, ma deve sottostare all'irremovibilità del Pesce Nero che conta sulla possibilità di resistere anche per lunghissimo tempo. Jaime viene raggiunto da Brienne: questa gli confida di aver trovato Sansa e che, ora che è al suo servizio, vorrebbe riconsegnare la spada Giuramento a colui che gliela aveva data tempo addietro, ma Jaime le dice che potrà tenerla lei. Brienne infine rivela a Jaime che se la fortezza sarà assediata lei diverrà sua nemica e combatterà al fianco dei Tully, la famiglia della madre di Sansa. La donna, seguita dal suo scudiero Podrick, viene lasciata entrare nella fortezza, dove consegna a Brynden il messaggio scritto dalla nipote, ma il Pesce Nero risponde che non lascerà mai casa sua. Quella stessa notte Edmure Tully viene minacciato con successo dallo Sterminatore di Re ed è così costretto a entrare nella fortezza - seppur contro il volere di Brynden - e ordina di aprire il portone affinché le truppe Lannister possano entrare. Brienne e Podrick vengono scortati a una barca da Brynden, ma quando la donna gli chiede di unirsi a loro e andare ad aiutare i nipoti a riconquistare Grande Inverno, lui risponde che rimarrà a Delta delle Acque, dove morirà combattendo. Lo Sterminatore di Re viene informato della morte di Brynden, quindi scorge la barca di Brienne dalla cima della fortezza e i due si rivolgono un ultimo saluto.

Venuto a sapere della morte del figlio Tommen e della distruzione del Tempio di Baelor per mano della sorella, Jaime fa ritorno nella capitale, appena in tempo per assistere incredulo alla cerimonia di incoronazione di Cersei a regina dei Sette Regni sul Trono di Spade, con Qyburn come primo cavaliere.

Settima Stagione

Cersei e Jaime si rendono conto di avere avversari su ogni fronte: a Sud, con Ellaria Sand e le sue figlie; a Ovest, con la traditrice Olenna Tyrell e il suo esercito; a Nord, con il bastardo di Eddard Stark, Jon Snow, appena nominato re. Una grande flotta degli Uomini di Ferro che conta più di mille navi e che porta il sigillo di Casa Greyjoy sbarca sulle coste di Approdo del Re. Cersei rivela a Jaime che sta progettando di stipulare un'alleanza con Euron Greyjoy. Jaime critica la sua decisione e le fa notare che i Greyjoy hanno sempre tradito i patti che avevano stretto e le promesse che avevano giurato di mantenere. Nella sala del trono, la Regina Cersei e Jaime ospitano Euron. L'uomo è in cerca di vendetta contro i nipoti Yara e Theon Greyjoy, che lo hanno tradito, scappando con parte della sua flotta. Euron propone allora di unire le forze per uccidere i loro nemici tra cui Tyrion e la regina dei Draghi. Quando Jaime mette in dubbio la sua legittimità al trono e la fiducia di Euron, riferendosi alla lla Ribellione di Greyjoy, Euron fa notare loro che la Flotta del Ferro è la più grande flotta che Westeros abbia mai visto. Infine Euron propone di sposare Cersei per sigillare il loro patto. Cersei declina per la sua offerta ma Euron le promette che presto farà ritorno ad Approdo del Re con un dono, il più bello che lei abbia mai ricevuto.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale